Tangenziale di Rubiera: ci vogliono fatti non proclami.

variante tangenziale di rubiera progetto

(clicca sull’immagine per ingrandire)

L’onnipresente “fantasma” delle campagne elettorali del PD chiamato “tangenziale di Rubiera” è oggi più che mai all’ordine del giorno, senza mai arrivare a nulla di concreto. In compenso, tutti noi cittadini, ci dobbiamo sorbire chilometri di demagogia su questo argomento, evidentemente e giustamente sentito da una popolazione esasperata e preoccupata.

Chi non ha memoria corta si ricorda che da oltre 40 anni viene rimandata questa opera più che mai importante per far diminuire il traffico di passaggio e soprattutto diminuire l’inquinamento, oggi qui a livelli da grande città.

Una colpa che è e rimane sempre nelle mani della medesima parte politica che continuamente ha amministrato Rubiera in questo tempo.

Nella passate legislature c’era stata la possibilità concreta di realizzare la tangenziale ma, non si sa per quali strani “interessi”, questo investimento non è andato a buon fine, negando al paese questa infrastruttura fondamentale.

Così, se da un lato siamo sicuramente favorevoli ad una tangenziale (vedi il nostro programma 2014 a pag. 18) che vada a risolvere queste problematiche, dall’altro siamo però tristemente consapevoli che in questo tempi di governo di “sinistra” con i suoi tagli, e sebbene la presenza del ministro Delrio che già conosce l’argomento, non ci sono risorse dedicate per poter avviare un percorso del genere.

variante tangenziale di rubiera_2

(Clicca sull’immagine per ingrandire)

variante tangenziale di rubiera_3

(clicca sull’immagine per ingrandire)

Poco vale ipotizzare la realizzazione della tangenziale come corollario della folle bretella Campogalliano-Sassuolo: la sua realizzazione ed i tempi sono talmente incerti e dilatati che equivale a dire che per ora non si farà.

E allora che ci vengano risparmiate le manfrine di lettere, petizioni, incontri, persino finte minacce di blocco traffico: chi deve si assuma la responsabilità chiara di dire che per la tangenziale c’è da aspettare per un tempo che ad oggi non si può che classificare come indefinito.

Ci sbagliamo? Magari. Se così fosse noi Movimento 5 Stelle daremo dentro e fuori dal consiglio comunale ogni possibile aiuto affinché la tangenziale possa realizzarsi.

Il Sindaco Cavallaro minaccia il blocco del traffico ai colleghi di Modena e Reggio?

Benissimo: lo leghi ad un dato certo ed automatico, come ad esempio un certo numero di sforamenti dei limiti di inquinamento e non ad una “pura ipotesi” ed avrà il nostro appoggio.

Il consigliere Benati propone di tenere una seduta del consiglio in mezzo alla via Emilia? Bene, saremo tra i primi con la seggiolina in mano.

Ma prima di tutto, chi può decidere, ci convinca che non sono l’ennesima boutade per accaparrarsi consenso o peggio per “tener buona” la cittadinanza. Convinceteci con argomenti validi e seri.

Nell’attesa della tangenziale, riusciamo almeno a contenere il traffico nelle ore di punta vietando il passaggio dei TIR nelle ore più trafficate come succede in altri comuni?

Riusciamo a riportare stabilmente la centralina per la rilevazione della qualità dell’aria sulla via Emilia, come stiamo chiedendo da anni, in modo che ogni qualvolta si superano i valori massimi consentiti si limiti il traffico di passaggio?

Un dato certo ce l’abbiamo: le decisioni si prendono per scala di priorità e la salute ed il benessere della cittadinanza deve essere al primo posto delle azioni di una amministrazione.

E se la salute è al primo posto, il buon uso delle risorse è al secondo.

Così, sotto questa logica, noi gruppo consiliare M5S siamo sempre stati favorevoli al tracciato Nord della tangenziale a fianco della TAV senza interruzioni a Fontana, perché è un percorso già segnato, che non andrebbe a impattare sul consumo di suolo poiché in larga parte già esistente e completabile con pochi chilometri aggiuntivi: il suo costo di realizzazione sarebbe così nettamente più basso rispetto al tracciato a Sud.

 

Cosa che invece il nostro Sindaco e la giunta pare non vogliano proprio appoggiare.

Ci vorrebbe onestà politica da parte della maggioranza che, mentre da una parte dice no al passante a Nord, dall’altra, come chiede la provincia nel suo PTCP, ne inserisce all’interno del nuovo PSC una variante sempre a Nord ma non a fianco della TAV e con uscita a Fontana sulla Provinciale 51.

Tutti discorsi comunque già fatti e rifatti, che per quanto veri e importanti rimangono parole nel vento, finché la tangenziale rimane un fantasma.

Aspettiamo ora che il Sindaco lasci almeno un attimo da parte twit e post, telefoni al prefetto per fissare il giorno e l’ora per trovarci tutti noi cittadini di Rubiera sulla via Emilia.

 

Rassegna Stampa

il Resto del Carlino di sabato 14 novembre 2015

guerra al traffico movimento 5 stelle rubiera

(clicca sull’immagine per ingrandire)

Comments

comments

About Davide